FREQUENTLY ASKED QUESTIONS PDF Stampa E-mail

Domande Frequenti sugli Impianti Fotovoltaici



In quanto tempo ritorna l'investimento?
Quanto dura un impianto fotovoltaico?
Dove posso installare l’impianto fotovoltaico?
L'impianto resiste alla grandine?
Come effettuare una valutazione preliminare di fattibilità?
Quanto costa la manutenzione?
Quanto spazio occupa un impianto fotovoltaico?
Quanto produce un impianto fotovoltaico?
Dove può essere installato un impianto fotovoltaico?
Se c'è un black-out ho comunque energia elettrica?
L’impianto funziona anche se è nuvoloso?
Devo modificare l’impianto elettrico esistente per realizzare un impianto fotovoltaico?
Può un condominio installare un impianto fotovoltaico?
E' possibile realizzare l'impianto fotovoltaico a mezzo leasing?
Cosa si intende per potenza nominale dell’impianto fotovoltaico?
E’ possibile finanziare l’impianto fotovoltaico?
Che differenza c’è tra un impianto fotovoltaico ed un impianto solare termico?

 


In quanto tempo ritorna l'investimento?

I tempi di ritorno si aggirano sui 7-10 anni, cosa questa che permette, dopo tale periodo, di guadagnare. I tempi sono previsti in riduzione perchè, ad oggi, il costo dell'energia tradizionale sale (in certi anni del 20% e più). Tuttavia bisogna tener conto che esso dipende da diverse variabili quali ad esempio: la quantità di radiazione solare disponibile (dipendente dalla latitudine del sito d'installazione e dall'orientamento), il costo per kW dell'investimento (dipendente dalla taglia dell'impianto), la valorizzazione dell'energia prodotta (valore delle tariffe incentivanti e valore dell'energia utilizzata).

Quanto dura un impianto fotovoltaico?

Un modulo fotovoltaico ha una durata teorica che si aggira sui 100 anni. I moduli sono garantiti dal costruttore per almeno 20 anni contro le riduzioni di efficienza che naturalmente insorgono, quella di un impianto, senza dover essere ristrutturato o modificato, invece, si aggira sulla trentina e più.

 

Dove posso installare l'impianto fotovoltaico?

- Sul tetto dell'abitazione
- Sul tetto del capannone industriale
- A Terreno

 

L'impianto resiste alla grandine?

Si. Uno dei test che i moduli fotovoltaici devono subire in fase di progettazione è proprio sulla sua resistenza alla grandine di grosse dimensioni ( 2,5 cm di diametro e 80 km/h) ed ovviamente il test deve essere superato per far sì che il pannello venga commercializzato con il regolare certificato.

 

Come effettuare una valutazione preliminare di fattibilità?

I nostro ufficio tecnico valuterà la fattibilità misurando la superficie disponibile (tetto, terreno), l'orientamento e l'inclinazione e analizzando i vostri consumi energetici (bollette dell'ultimo anno o triennio), in modo da poter stimare in modo più corretto il tempo di ritorno e valutare meglio l'effettiva necessità dell'impianto.

 

Quanto costa la manutenzione?

Il costo annuo di manutenzione è abbastanza contenuto: normalmente è stimato in circa l'1% del costo d'impianto. Gli impianti fotovoltaici non necessitano di una particolare manutenzione, volendo si possono pulire i vari pannelli fotovoltaici ogni qualvolta questi risultano sporchi, anche se normalmente gli stessi si mantengono abbastanza puliti grazie alla pioggia e al vento. La naturale inclinazione dei pannelli (solitamente sul tetto) ed esposizione ai venti permette ai pannelli di essere autopulenti. In condizioni particolari (neve, pioggia sabbiosa seguita da un periodo di lunga siccità), si possa profilare la necessità di un intervento di pulizia manuale.

 

Quanto spazio occupa un impianto fotovoltaico?

In media, un impianto con potenza nominale pari a 1 kWp (un chilowatt di picco) occupa circa 8 mq. sul tetto inclinato dell'abitazione o dell'azienda. Lo spazio occupato diventa di circa 20 metri quadrati. In caso di tetto piano o terreno.

 

Quanto produce un impianto fotovoltaico?

La produzione elettrica annua di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:
" radiazione solare incidente sul sito d'installazione;
" orientamento ed inclinazione della superficie dei moduli;
" assenza/presenza di ombreggiamenti;
" prestazioni tecniche dei componenti dell'impianto (moduli, inverter ed altre apparecchiature).
Prendendo come riferimento un impianto da 1 kW di potenza nominale, con orientamento ed inclinazione ottimali ed assenza di ombreggiamento, non dotato di dispositivo di "inseguimento" del sole, in Italia è possibile stimare le seguenti producibilità annue massime:
" regioni settentrionali 1.000 - 1.300 kWh/anno
" regioni centrali 1.200 - 1.400 kWh/anno
" regioni meridionali 1.400 - 1.700 kWh/anno
E' opportuno sottolineare che il consumo annuo elettrico medio di una famiglia italiana è pari a circa 3.000 kWh.

 

Dove può essere installato un impianto fotovoltaico?

I moduli fotovoltaici possono essere collocati su qualsiasi pertinenza di un immobile (tetto, facciata, terrazzo, ecc…) o sul terreno.
La decisione deve essere presa in base all'esistenza sul sito d'installazione dei seguenti requisiti:
" disponibilità di spazio necessario per installare i moduli;
" corretta esposizione ed inclinazione della superficie dei moduli.
Le condizioni ottimali in l'Italia sono:
" esposizione SUD (accettabile anche SUD-EST, SUD-OVEST, con ridotta perdita di produzione);
" inclinazione dei moduli compresa fra 25°(latitudini più meridionali) e 35°(latitudini più settentrionali);
" assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.

 

Se c'è un black-out ho comunque energia elettrica?

No. Quando avviene un black-out a scopo manutentivo da parte di personale Enel se il mio impianto immettesse ancora energia elettrica nella rete rischierei di fulminare gli operai.
L'impianto NON può capire se l'energia elettrica è stata tolta per fare manutenzione sulla linea elettrica o ci sia effettivamente un black-out, per cui esistono delle norme di legge e direttiva ENEL DK 5950 che impongono il distacco immediato ed automatico dell'impianto fotovoltaico nel momento in cui l'inverter stesso nota anomalie o mancanze di tensione sulla rete principale.
Per ovviare al rischio di black-out esistono diversi prodotti, inverter stand alone muniti di batteria che proseguono ad alimentare determinati apparecchi 'vitali' o 'importanti' anche durante tali periodi, ma sono normalmente delle scelte costose e che comportano la sostituzione periodica delle batterie per usura.

 

L'impianto funziona anche se è nuvoloso?

Si, i moduli fotovoltaici hanno la capacità di produrre un minimo di energia elettrica anche in condizioni di cielo parzialmente coperto o nuvoloso, sfruttando la radiazione solare diffusa. L'impianto fotovoltaico comunque funziona meglio in presenza di radiazione solare diretta per cui la sua produzione di energia dipende anche dalle condizioni meteo-climatiche presenti alle diverse ore del giorno e dei mesi dell'anno.
La produzione di energia elettrica raggiunge il valore massimo alle cosiddette condizioni standard di laboratorio, (1000 W a mq. e temperatura di 25 °C ) moduli perfettamente rivolti a sud e cielo completamente sereno.

 

Devo modificare l'impianto elettrico esistente per realizzare un impianto fotovoltaico?

No, non si deve modificare l'impianto esistente.
L' impianto fotovoltaico avrà una sua linea autonoma e sarà collegato a un inverter che permette di trasformare la corrente elettrica continua, generata dai moduli fotovoltaici, in corrente elettrica alternata.

 

Può un condominio installare un impianto fotovoltaico?

Si, previa autorizzazione dell'assemblea condominiale.

 

E' possibile realizzare l'impianto fotovoltaico a mezzo leasing?

Si.

 

Cosa si intende per potenza nominale dell'impianto fotovoltaico?

La potenza nominale (o massima, o di picco, o di targa) dell'impianto fotovoltaico è la potenza elettrica dell'impianto determinata dalla somma delle singole potenze nominali (o massime, o di picco, o di targa) di ciascun modulo fotovoltaico facente parte del medesimo impianto, misurate alle condizioni standard (temperatura pari a 25 °C e radiazione pari a 1.000 W/m²).

 

E' possibile finanziare l'impianto fotovoltaico?

Si, anche con finanziamenti fino al 100% dell'investimento, mantenendo i tassi d'interesse molto contenuti.

 

Che differenza c'è tra un impianto fotovoltaico ed un impianto solare termico?

Entrambe le tipologie d'impianto utilizzano il sole come fonte energetica, catturandone la radiazione attraverso superfici captanti: mentre i moduli fotovoltaici trasformano direttamente la radiazione solare in energia elettrica, i pannelli solari termici utilizzano l'energia termica del sole per riscaldare l'acqua da utilizzare per uso igienico sanitario o per il riscaldamento degli ambienti.

 

 

 

Cerca